Font Size

Layout

Menu Style

Cpanel

Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni (DM 509/1999)

Nel curriculum le attività formative sono suddivise in due “insiemi”: nel primo insieme le attività sono inquadrate in specifici Settori Scientifico-Disciplinari (SSD) e ripartite in attività di base, caratterizzanti e affini/integrative; al secondo insieme appartengono tutte le altre attività formative che includono in particolare una prova di dimostrazione della conoscenza di una lingua (prova di lingua) e, a completamento del curriculum, una prova conclusiva.

Rispetto ai 180 Crediti Formativi Universitari (CFU) da acquisire in totale per conseguire la laurea di I livello, alle attività formative appartenenti al primo insieme sono attribuiti 170 CFU, di cui 140 obbligatori e 30 a scelta dello studente. Per questi ultimi, 10 CFU vanno scelti (Opzioni) in un insieme di discipline sia delle attività di base (per 5 CFU) sia del SSD di telecomunicazioni (per gli altri 5 CFU); gli ulteriori 20 CFU sono scelti nell’ambito di alcuni Orientamenti precisati annualmente nel Manifesto degli Studi. Per il secondo insieme, corrispondente a un totale di 10 CFU, 3 CFU sono riservati alla prova di lingua e 7 CFU sono previsti per la Dissertazione Finale.

I 140 CFU obbligatori sono divisi tra Attività di Base, Caratterizzanti e Affini/Integrative come segue. Nelle attività di base sono incluse discipline che sono proprie delle matematiche (25 CFU) e della fisica (20 CFU). Sono invece caratterizzanti discipline proprie dei SSD relativi alle telecomunicazioni (35 CFU), all’elettromagnetismo (10 CFU), all’informatica (20 CFU) e alle scienze economico-organizzative (10 CFU). Infine, alle attività affini/integrative appartengono discipline che sono collocabili nei SSD dell’automatica (5 CFU), dell’elettronica (10 CFU) e dei circuiti (5 CFU).

Le attività formative inquadrate in specifici SSD sono organizzate in moduli, che possono essere regolari (CR) o di laboratorio (CL). I moduli presenti nel curriculum sono quotati con 5 o con 10 CFU.

Un CFU in un modulo regolare corrisponde di norma all’erogazione di 5 ore di lezione, 5 di esercitazione e a 15 ore di studio individuale. Nel caso invece dei moduli di laboratorio, il carico di lavoro corrispondente a un CFU è suddiviso di norma in 5 ore di lezione, 15 ore di laboratorio e in 5 ore di studio individuale. 

Ogni modulo, a seconda del suo tipo, si conclude con una prova di esame o con un giudizio di idoneità: i moduli regolari si concludono con una prova di esame, mentre i moduli di laboratorio prevedono di norma un giudizio di idoneità. Le modalità di svolgimento delle prove di esame e i criteri per esprimere il giudizio di idoneità sono a discrezione dei docenti responsabili.

Per i moduli regolari ai quali corrispondono 10 CFU è prevista una prova di verifica, che è collocata a metà dello svolgimento del modulo (nel normale orario previsto per lezioni/esercitazioni) e il cui esito influirà sull’esito della prova di esame secondo modalità che sono a discrezione del docente responsabile.

I CFU associati a un modulo si intendono acquisiti solo quando si è superata la relativa prova di esame o quando il giudizio di idoneità è positivo.

I moduli inclusi nel curriculum sono riportati nella Tabella I, ove sono indicati i titoli dei moduli, il settore scientifico-disciplinare di pertinenza, la tipologia del modulo (CR o CL), le modalità di verifica dell’apprendimento (E = prova di esame; I= giudizio di idoneità), i numeri di CFU attribuiti al modulo e l’anno di corso in cui il modulo è erogato.

 

Tabella I – Moduli comuni a tutti gli indirizzi

Modulo

Settore scientifico disciplinare

Tipo

Verifica

CFU

Anno

Analisi matematica 1

MAT/05

CR

R

5

I

Analisi matematica 2

MAT/05

CR

R

5

I

Architetture di elaborazione

ING-INF/05

CR

R

5

I

Economia e organizzazione aziendale

ING-IND/35

CR

R

5

I

Fisica 1

FIS/01

CR

R

5

I

Geometria

MAT/03

CR

R

10

I

Laboratorio di calcolo numerico

MAT/08

CR

I

5

I

Programmazione

ING-INF/05

CR

R

5

I

           

Campi elettromagnetici 1

ING-INF/02

CR

R

5

II

Circuiti

ING-IND/31

CR

R

5

II

Fisica 2

FIS/01

CR

R

10

II

Gestione aziendale

ING-IND/35

CR

R

5

II

Laboratorio di Fisica

FIS/01

CR

I

5

II

Retematica

ING-INF/03

CR

R

5

II

Sistemi elettronici 1

ING-INF/01

CR

R

5

II

Sistemi elettronici 2

ING-INF/01

CR

R

5

II

Teoria dei segnali

ING-INF/03

CR

R

10

II

Trasmissioni

ING-INF/03

CR

R

5

II

           

Basi di dati

ING-INF/05

CR

R

5

III

Campi elettromagnetici 2

ING-INF/02

CR

R

5

III

Elaborazione numerica dei segnali

ING-INF/03

CR

R

5

III

Sistemi di controllo automatico I

ING-INF/04

CR

R

5

III

Sistemi di telerilevamento

ING-INF/03

CR

R

5

III

Sistemi operativi I

ING-INF/05

CR

R

5

III

Teoria dell’informazione e codici I

ING-INF/03

CR

R

5

III

TOTALE

     

140

 

 

Orientamenti e scelte opzionali

Come si è detto, 30 CFU sono a scelta dello studente; di questi, 10 CFU fanno parte di Opzioni nell’ambito delle discipline di base e di telecomunicazioni. I rimanenti 20 CFU caratterizzano i vari Orientamenti della Laurea di I livello.

a) Moduli di  Opzione

Per completare il proprio curriculum lo studente deve scegliere in primo luogo due insegnamenti (5+5 CFU), uno appartenente a un gruppo di discipline di Base e un altro a un gruppo di discipline di Telecomunicazioni. I 10 CFU attribuiti ai Moduli di Opzione concorrono a costituire il numero totale di CFU da conseguire per il superamento della Prova Conclusiva prevista per il conseguimento della Laurea di I livello ( vedi la Sezione 5.2 ).

Fanno parte del  gruppo di Discipline di Base :

o       Algebra 2 (MAT/02);

o       Calcolo numerico (MAT/08);

o       Chimica (CHIM/07);

o       Fisica 3(FIS/01);

o       Meccanica statistica e teoria delle reti (MAT/07);

o       Metodi matematici per l’Ingegneria (MAT/05);

o       Modelli di programmazione matematica (MAT/09);

o       Programmazione intera (MAT/09).

Fanno parte del  gruppo delle Discipline di Telecomunicazioni:

o       Trasmissioni numeriche 1 (ING-INF/03);

o       Comunicazioni mobili 1 (ING-INF/03);

o       Comunicazioni multimediali 1 (ING-INF/03);

o       Fenomeni aleatori (ING-INF/03).

b) Orientamenti

Sono attualmente previsti cinque Orientamenti (Telematica, Telerilevamento, Elaborazione del segnale e Multimedialità, Trasmissione dell’informazione e Fisico-Matematico), ad ognuno dei quali sono attribuiti 20 CFU. Scegliendo uno di questi lo studente completa il suo curriculum.

 

Orientamento TELEMATICA

Questo orientamento, con denominazione derivante da un acronimo largamente diffuso delle parole Telecomunicazioni e Informatica, consente un approfondimento in quegli ambiti dell’Ingegneria dell’Informazione in cui: (i) l’acquisizione, il trattamento, il trasporto e l’utilizzazione dell’informazione per specifiche finalità applicative assumono ruoli complementari e inscindibili; (ii) la cooperazione di applicazioni residenti in sistemi di elaborazione tra loro remoti richiede una loro interconnessione con risorse di telecomunicazioni e/o un pre-/post-processamento dei segnali di supporto all’informazione da acquisire o da restituire per la relativa fruizione.

Con questa finalità, è previsto un rafforzamento delle conoscenze relative all’ambiente Internet e alle comunicazioni mobili, e cioè dei due paradigmi che stanno attualmente guidando gli sviluppi del mondo delle telecomunicazioni.

Sbocchi professionali tipici sono presso imprese per la progettazione, la manifattura e la gestione di sistemi di telecomunicazioni, con specifico riferimento ai sistemi telematici, oltre che per la fornitura di servizi in questo ambito. Sono anche da citare sbocchi presso la Pubblica Amministrazione e altri Enti Pubblici, come ad esempio ospedali e enti di controllo del traffico.

 

Tabella II –Moduli per l’orientamento Telematica

Modulo

Settore scientifico disciplinare

Tipo

Verifica

CFU

Anno

Internet

ING-INF/03

CR

E

5

III

Reti cellulari

ING-INF/03

CR

E

5

III

SCEL-A

 

CL

I

5

III

SCEL-B

 

CL

I

5

III

TOTALE

     

20

 

I due moduli SCEL-A e SCEL-B sono a scelta tra quelli qui appresso specificati:

- Laboratorio di telerilevamento (ING-INF/03);

- Laboratorio di servizi di telecomunicazioni (ING-INF/03);

- Laboratorio di apparati ricetrasmittenti (ING-INF/01).

 

Orientamento TELERILEVAMENTO

L’orientamento fornisce conoscenze professionali specifiche sulle metodologie e le tecnologie peculiari del Telerilevamento. In particolare offre una formazione specifica sui: (i) radar per controllo del traffico aereo e sorveglianza; (ii) radioaiuti e sensori per la navigazione aerea; (iii) sensori e tecniche di elaborazione per l’osservazione della Terra da satellite; (iv) radar spaziali per l’esplorazione planetaria; (v) sistemi di navigazione satellitare (GPS, Galileo).

A questo scopo, è previsto un rafforzamento delle conoscenze metodologiche ed operative sui sistemi e sulle tecnologie del Telerilevamento per applicazioni terrestri, avioniche e spaziali, con l’obiettivo di formare la capacità di gestire e di mantenere sistemi e applicazioni di Telerilevamento, dimensionando o gestendo impianti che utilizzano tecnologie consolidate, e di recepire innovazioni tecnologiche.

Sbocchi professionali tipici sono nelle industrie di progettazione e produzione di sistemi di Telerilevamento e strumentazione elettronica, aziende di servizi per il Telerilevamento da satellite, aziende di trasporto aereo, enti per la gestione del traffico aereo, agenzie spaziali.

 

Tabella III – Moduli per l’orientamento Telerilevamento

Modulo

Settore scientifico disciplinare

Tipo

Verifica

CFU

Anno

Controllo del traffico aereo

ING-INF/03

CR

E

5

III

Sensori per il telerilevamento

ING-INF/03

CR

E

5

III

SCEL-A

 

CL

I

5

III

SCEL-B

 

CL

I

5

III

TOTALE

     

20

 

I due moduli SCEL-A e SCEL-B sono a scelta tra quelli qui appresso specificati:

- Laboratorio di telerilevamento (ING-INF/03);

- Laboratorio di servizi di telecomunicazioni (ING-INF/03);

- Laboratorio di apparati ricetrasmittenti (ING-INF/01).

 

Orientamento TRASMISSIONE DELL’INFORMAZIONE

L’orientamento Trasmissione dell’Informazione copre gli aspetti teorici e applicativi connessi al trasferimento a distanza di informazione  (attraverso l’impiego di segnali di tipo voce, dati e immagini) mediante reti cablate e radio. In particolare, gli aspetti maggiormente approfonditi dall’Orientamento riguardano: (i) le caratteristiche di propagazione del segnale attraverso i diversi tipi di collegamento, anche varianti nel tempo, come nel caso dei sistemi radio-mobili; (ii) la descrizione dei principali metodi di trasmissione e ricezione nei casi analogici e numerici, con riferimento alle scelte delle migliori strategie di modulazione, multiplazione e di protezione da errori nei vari ambienti applicativi; (iii) le metodologie di progetto di un sistema di rice-trasmissione e le relative architetture fondamentali; (iv) la valutazione e l’ottimizzazione delle prestazioni delle reti di trasmissione digitale; (v) la struttura della rete d’accesso e la sua interazione con la rete fissa; (vi) la sicurezza nelle reti di accesso. Per tutti gli argomenti sopra riportati vengono considerati sia gli aspetti metodologici di base che quelli applicativi.

Sbocchi professionali tipici sono verso le imprese costruttrici di apparati di telecomunicazione, richiedenti profili professionali esperti nella progettazione di sistemi di trasmissione e nella valutazione delle loro prestazioni. Altri sbocchi professionali sono verso i  gestori dei sistemi di telecomunicazione, richiedenti profili professionali esperti nel dimensionamento dei collegamenti e/o nella pianificazione delle risorse di  sistema, come ad esempio nella gestione dei sistemi radio-mobili cellulari. Sono anche da citare possibili sbocchi professionali verso la Pubblica Amministrazione.

 

Tabella IV - Moduli per l’orientamento TRASMISSIONE DELL’INFORMAZIONE

 

Modulo

Settore scientifico disciplinare

Tipo

Verifica

CFU

Anno

Ottimizzazione dei sistemi di trasmissione

ING-INF/03

CR

E

5

III

Fondamenti di trasmissioni numeriche

ING-INF/03

CR

E

5

III

SCEL-A

 

CR/CL

E/I

5

III

SCEL-B

 

CR/CL

E/I

5

III

TOTALE

     

20

 


I due moduli SCEL-A e SCEL-B sono a scelta tra quelli qui appresso specificati:

Modulo

Settore scientifico disciplinare

Tipo

Verifica

CFU

Anno

Elaborazione delle immagini

ING-INF/03

CR

E

5

III

Trasmissioni ottiche

ING-INF/03

CR

E

5

III

Internet

ING-INF/03

CR

E

5

III

Reti cellulari

ING-INF/03

CR

E

5

III

Laboratorio di apparati ricetrasmittenti

ING-INF/03

CL

I

5

III

Laboratorio di servizi di telecomunicazioni

ING-INF/03

CL

I

5

III

Laboratorio di telerilevamento

ING-INF/03

CL

I

5

III

 

Orientamento ELABORAZIONE DEL SEGNALE E MULTIMEDIALITÀ

L’orientamento Elaborazione del segnale e Multimedialità riguarda le metodologie e le tecnologie di elaborazione dei segnali e delle immagini utilizzate nelle comunicazioni multimediali.

In particolare, sono oggetto di studio le tecniche di digitalizzazione, trasporto, trattamento, memorizzazione e controllo di qualità di suoni, immagini e dati impiegate nei settori della, televisione, radiofonia, musica, cinema digitale, sorveglianza etc., e nel settore internet, con riferimento ai diversi contenuti che interessano le diverse applicazioni multimediali in rete.

I principali sbocchi professionali riguardano da una parte le imprese e gli enti operanti  nei settori  della progettazione e produzione di servizi multimediali su rete e nei settori della editoria elettronica, della produzione cinematografica, radiotelevisiva e musicale, e dall’altra i diversi enti utilizzatori di archivi e sistemi multimediali specifici (musei, centri sanitari, centri operativi, strutture didattiche, cineteche e videoteche etc.).

 

Tabella V - Moduli per l’orientamento ELABORAZIONE DEL SEGNALE e Multimedialità

2 Moduli a scelta tra

Settore scientifico disciplinare

Tipo

Verifica

CFU

Anno

Dispositivi di elaborazione audio e video

ING-IND/31

CR

E

5

III

Elaborazione delle immagini

ING-INF/03

CR

E

5

III

Elaboratori di segnale

ING-IND/31

CR

E

5

III

Trattamento del segnale audio

ING-IND/31

CR

E

5

III

TOTALE

     

10

 

Altri 2 Moduli a scelta tra

(se non già scelti sopra)

Settore scientifico disciplinare

Tipo

Verifica

CFU

Anno

Dispositivi di elaborazione audio e video

ING-IND/31

CR

E

5

III

Elaborazione delle immagini

ING-INF/03

CR

E

5

III

Elaboratori di segnale

ING-IND/31

CR

E

5

III

Internet

ING-IND/31

CR

E

5

III

Ottimizzazione dei sistemi di trasmissione

ING-INF/03

CR

E

5

III

Trattamento del segnale audio

ING-IND/31

CR

E

5

III

Laboratorio di apparati ricetrasmittenti 

ING-INF/03

CL

I

5

III

Laboratorio di servizi di telecomunicazioni 

ING-INF/03

CL

I

5

III

Laboratorio di telerilevamento 

ING-INF/03

CL

I

5

III

TOTALE

     

10

 

 

Orientamento FISICO-MATEMATICO

L’orientamento Fisico-Matematico è rivolto in modo particolare agli studenti che intendono proseguire l’iter universitario verso il conseguimento della laurea specialistica. Scopo dell’orientamento è di rafforzare la formazione di base, soprattutto nelle aree della matematica e della fisica, con la finalità di fornire allo studente nozioni, strumenti e tecniche che lo preparino ad un percorso di studi di livello più elevato ed approfondito, qualunque sia poi la specializzazione. In particolare, i corsi proposti presentano contenuti e metodologie di matematica e fisica moderna di valenza generale, con applicazioni di particolare rilievo a tecniche, apparati e sistemi innovativi di acquisizione, trasporto e trattamento dell’informazione.

 

                                               Tabella VI –Moduli per l’orientamento FISICO-MATEMATICO

Modulo

Settore scientifico disciplinare

Tipo

Verifica

CFU

Anno

Modulo a scelta tra le alternative MAT sotto elencate

MAT/xy

CR

E

5

III

Modulo a scelta tra le alternative FIS sotto elencate

FIS/wz

CR

E

5

III

SCEL-A

 

CL

I

5

III

SCEL-B

 

CL

I

5

III

TOTALE

     

20

 

Alternative MAT                                                  Alternative FIS

Analisi matematica III (MAT/05)                           Ottica (II mod.) (FIS/01)

Algebra I (MAT/02)                                             Elettronica quantistica (FIS/03)

 

I due moduli SCEL-A e SCEL-B sono a scelta tra quelli qui appresso specificati:

- Laboratorio di telerilevamento (ING-INF/03);

- Laboratorio di servizi di telecomunicazioni (ING-INF/03);

- Laboratorio di apparati ricetrasmittenti (ING-INF/01).

Nella successiva Prova Finale che porterà al conseguimento della Laurea di I° Livello in Ingegneria delle Comunicazioni, saranno attribuiti ulteriori 10 crediti. Maggiori informazioni a tale riguardo sono fornite alla voce "Prova Finale" in questa stessa sezione (Laurea DM 509/00).